martedì 10 dicembre 2013

Colazione di Natale. Le cartellate. [Seconda parte]



Le Cartellate sono dei dolci natalizi tipici della tradizione pugliese.
Sono molte le varianti della ricetta e questa che vi propongo è quella della mia famiglia,
tramandata da mamma in figlia e presente nei miei ricordi d'infanzia: ricchi di sapori e profumi.

Le cartellate sono semplici da realizzare e servono pochissimi ingredienti,
ma la preparazione è piuttosto lunga, pertanto consiglio di prepararli con qualche giorno di anticipo.
Inoltre hanno una buona conservazione e la tradizione vuole che ne venga preparata 
una bella "scorta" per permetterne la consumazione in tutto il periodo delle festività. 





Questi dolci sono fritti e la particolarità sta nel condimento finale
 che, secondo la tradizione, è con vino cotto di uva o di fichi 
(che si ottiene facendo cuocere a lungo la prima colata del mosto;
si può preparare anche a casa facendo cuocere a lungo il succo filtrato dell'uva 
o la polpa dei fichi, ma per comodità io preferisco acquistarlo già pronto).
In alternativa basta condirle semplicemente con il miele.




Per i bambini ho scelto quest'ultima versione, con il miele,
che propongo per la colazione, ma sono davvero infinite le possibilità:
potete decidere di decorare le cartellate solo con zucchero a velo, con granella di nocciole o noci,
o  immergerle completamente nel cioccolato!

Le cartellate sono ottime in ogni momento della giornata
come sfiziosa merenda (soprattutto per chi è goloso come me!).



La loro consistenza è leggera, croccante e friabile.
Ma, soprattutto, la cosa che mi piace di più sono l'aroma e il profumo della cannella.


Ingredienti:
500 gr di farina 00 - 50 ml di olio e.v.o. - 200 ml vino bianco dolce
1 cucchiaino di cannela in polvere, miele q.b., olio per friggere.
(se non volete usare il vino, potete sostituirlo con acqua).








Preparazione:




Disporre a fontana la farina, la cannella, l'olio e impastare aggiungendo un po' per volta il vino,
fino ad ottenere un impasto morbido e liscio.

Dividere l'impasto in più panetti che stenderete uno alla volta con la macchina da pasta.
Una volta ottenute delle sfoglie sottili tagliatele con una rotella dentata
a strisce larghe circa 3 cm e lunghe circa 20.




Ripiegate ogni striscia pinzando con le dita la pasta (nel senso della lunghezza)
 a circa 2 cm di distanza e poi arrotolatela continuando a pinzare.



 


 Lasciate asciugare le cartellate sulla spianatoia per almeno 3-4 ore.




In una padella, friggete le cartellate in olio bollente, fino a doratura. 
Scolatele e mettetele a sgocciolare sulla carta assorbente.

In un tegame fate scaldare il miele (o il vino cotto) e immergetevi una per volta le cartellate.
Disponete le cartellate in un piatto da portata e spolverizzatele a piacere con cannella, 
zucchero a velo, palline o codette di zucchero colorate.




Potete metterne qualcuna da parte da confezionare in modo originale da regalare
ai bambini o come segna posto per il pranzo di Natale!




Preparate anche una tag coordinata...




Questo è il secondo di una serie di post, sul tema del "Natale al verde",
che pubblicherò ogni martedì e fino alla vigilia.

Ogni martedì aggiungerò qualcosa sulla tavola, perché ogni piccolo dettaglio 
assume un ruolo importante se pensato per la felicità dei più piccoli!

...non perdete il prossimo appuntamento il 17 dicembre!

  Il post sulla prima parte lo trovi qui

Questo post partecipa all'iniziativa promossa
  

In linea con il periodo che stiamo vivendo, la creatività è di scena con le inedite
 e originali proposte di tanti blogger per un progetto davvero al passo con i tempi! 

Partecipano con me:

Aboutgarden
Ali di polvere


Puoi sfogliare e pinnare tutte le immagini dell'iniziativa nella board 
dedicata al Natale al VERDE in Pinterest  


24 commenti:

  1. oddio che meraviglia... non ho l'acquolina, sto sbavando tipo cane san bernardo *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne sono golosissima! Se fossimo vicine te ne farei assaggiare un po' !

      Elimina
  2. Potrei fare un copia&incolla del commento di Manu... e le foto sono davvero magnifiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le farei assaggiare anche a te! Ne ho fatto un bel po'!!!! :)

      Elimina
  3. Lisa, ma impacchettate sono adorabili! Immagino la gioia dei bambini di fronte a queste dolcezze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono divertita anch'io!! Ho infilato uno stuzzicadenti da spiedino nella cartellata tipo lollipop e usato delle semplicissime buste trasparenti per impacchettarle.

      Elimina
  4. Quanto mi mancano!!! Tanto tempo fa venivo sempre invitata ad una cena prenatalizia in cui non mancavano mai.
    Complimenti per le foto!
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco Flora...i golosi di cartellate difficilmente non ne sentono la mancanza ;)

      Elimina
  5. non le ho mai assaggiate davvero, ma con le tue bellissime foto si mangiano di gusto anche solo con gli occhi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono deliziose...da provare assolutamente!

      Elimina
  6. Capito per caso in questo tuo angolo di creatività...sei molto molto brava,il tuo blog mi piace tanto! Che dire di queste cartellate....le cono sco mooolto bene!!Mamma pugliese....le adoro e il vino cotto sono la sua morte!
    Un saluto Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana! Condivido...anch'io le preferisco con il vino cotto, di uva o di fichi è indifferente. Pensa che è la prima volta che le preparo da sola, solitamente ci pensa, anche nel mio caso, la mamma! (pugliese...).
      Un abbraccio!

      Elimina
  7. Complimenti, sono bellissime e presentate divinamente. Le proverò di sicuro perchè devono essere anche molto buone!
    Un caro saluto, Loretta

    RispondiElimina
  8. Complimenti Lisa per la spiegazione, preparazione e presentazione, invogliano proprio alla prova!
    Non conoscevo questi dolci... Natale al VERDE unisce tante culture e tradizioni! evviva
    simonetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simonetta, è il mio primo post sul food e mi sono impegnata affinché fossero chiari tutti i passaggi! Mi sono divertita molto, soprattutto nello scattare le foto durante la preparazione (con le mani nell'impasto è una vera impresa!). Le cartellate sono ancora poco conosciute e ci tenevo particolarmente a diffondere, nel mio piccolo, queste squisite eccellenze della cucina pugliese!

      Elimina
  9. ohsignor...ho preso 2 kg solo a legegre il post! ma devono esseere buonissimissime!!!
    Complimenti Lisa, rubo la ricettina...non posso farne a meno!
    bacione
    Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti avviso che, se decidi di prepararle, una tira l'altra...altro che 2 kg!
      Bacetti!

      Elimina
  10. Ciao Lisa,
    grazie a Natale al Verde ho potuto conoscere blog bellissimi ed interessanti, tra cui il tuo: sono rimasta estasiata da queste immagini, passerò da te molto spesso!!!
    E grazie anche per il tuo bel commento ;)
    Un abbraccio
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura, sarai sempre la benvenuta!
      A martedì prossimo!

      Elimina
  11. Ciao Lisa :-)
    le cartellate che nella mia famiglia vengono chiamate le nevole, fatte con il mosto cotto o il miele e con l'aggiunta di piccoli pezzetti di noce :)
    la prossima settimana le preparo con mia mamma e mia zia che hanno la ricetta di famiglia :-)
    ogni posto ha il suo nome ed anche qualche variante negli ingredienti, pensa che nel Gargano vengono chiamate "Le Fasce di Gesù Bambino" :-)
    sei bravissima!! e sei super creativa .-) il bigliettino con le palline di zucchero colorate donano sia alla cartellate che all'etichetta un tocco di eleganza :-)
    la Puglia che ricchezza infinita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, grazie per i complimenti, sai che è la pe rima volta che le preparo da sola? Di solito ci pensa mia mamma! E' vero, ogni famiglia ha la sua versione di ricetta che cambia in base al luogo di origine, il bello di queste ricette "di una volta" è che ognuna subisce l'influenza e i gusti di chi le prepara, ma nel rispetto di quelle originali e della tradizione del luogo da cui provengono.
      Un abbraccio!

      Elimina
  12. Guardare queste immagini mi ha fatto letteralmente aumentare la salivazione !!! E poi le foto sono molto belle e mi è piaciuta l'idea della foto per ogni ingrediente. Meno male che c'è Natale al Verde ! Passerò spesso a trovarti. Tu riuscissi, intanto, a passarmi un paio di cartellate ;) A presto, Adrialisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce n'è per tutti...passa quando vuoi ;) !!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...